Palm Springs, recensione del film di Max Barbakow

palm springs recensione

Recensione di Palm Springs, film diretto da Max Barbakow presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma

Max Barbakow dirige Palm SpringsVivi come se non ci fosse un domani  (trailer), commedia con Andy Samberg, Cristin Milioti, Camila Mendes, Tyler Hoechlin, Meredith Hagner presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma nella sezione Tutti ne parlano. Il film uscirà nelle sale italiane a partire dal 22 ottobre 2020 grazie a I Wonder Pictures.

Il lungometraggio precedentemente proiettato al Sundance Film Festival racconta la storia di Nyles (Andy Samberg – Brooklyn Nine-Nine, SNL), un ragazzo bloccato a un matrimonio a Palm Springs in cui incontra Sarah (Cristin Milioti – How I Met Your Mother, Modern Love), damigella d’onore e pecora nera della famiglia. Dopo essere stata salvata da un brindisi disastroso, Sarah inizia ad essere attratta da Nyles e dal suo insolito nichilismo. Ma quando il loro incontro improvvisato è ostacolato da un’interruzione surreale, anche Sarah deve cominciare ad abbracciare l’idea che nulla ha davvero importanza e cominciare a trovare una soluzione a quello che sembra essere un loop infinito.

Max Barbakow debutta alla commedia con un film rivoluzionario dal punto di vista temporale. Frutto di una sceneggiatura impeccabile, il modo in cui funziona il ciclo del tempo del film viene rivelato lentamente. Già, Nyles è bloccato in un tunnel temporale in cui è sempre 8 novembre. Ha tentato ripetutamente di uccidersi ma senza fortuna, va a letto con tutti al matrimonio in diverse occasioni, incluso uno dei testimoni dello sposo, giusto per cambiare un po’. 

Il protagonista si sveglia sempre nella stessa stanza d’albergo con Misty, la sua ragazza. Anche quando la sorella della sposa, Sarah, entra nel loop, le cose cambieranno radicalmente e Nyles dovrà uscire dalla sua zona di confort. Sarah dice a Nyles: «Non voglio che domani sia oggi. Voglio che domani sia domani.»

Una delle punte di diamante del film, oltre a una regia dinamica ed essenziale e una fotografia perfetta sono le prove attoriali di Andy Samberg e Cristin Milioti. Samberg è diventato famoso come la star del Saturday Night Live contribuendo alla spinta della commedia nell’era digitale, mentre Milioti si è confermata sul piccolo schermo con la sitcom How I Met Your Mother. In Palm Springs la coppia si fonde emanando un malessere generazionale unico cui tirarsi indietro è impossibile.

Palm Springs è una divertente commedia romantica, una storia ossessionata dall’idea che siamo segretamente tentati da un mondo in cui nulla conta davvero solo per allontanarci dalle responsabilità della vita. Nessuno conferma che le cose andranno meglio se affrontiamo ciò da cui stiamo scappando, ma quasi sicuramente sarà molto più facile convivere con noi stessi, non importa quanto siamo stanchi.

Questa era la recensione di Palm Springs, film diretto da Max Barbakow con Andy Samberg, Cristin Milioti, Camila Mendes, Tyler Hoechlin, Meredith Hagner. Al cinema dal 22 ottobre.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui